Sei stato sul mercato ultimamente per un paio di comode cuffie? Se l’hai fatto, potresti aver visto due diversi tipi di cuffie in vendita, in-ear e earbuds. Alcune aziende potrebbero persino pubblicizzare le proprie cuffie come in-ear earbuds, come se fossero la stessa cosa, ma non lo sono! Sebbene sembrino molto simili, entrambi hanno dinamiche diverse che si adattano a persone diverse a seconda di ciò che vogliono. Allora qual è la differenza?

Cosa sono le cuffie intrauricolari?

Le cuffie in-ear sono talvolta chiamate altre cose, ad esempio in-canal o earphones (il che li rende ancora più facili da confondere con gli auricolari). Puoi raccogliere un’immagine di come funzionano gli auricolari in-ear solo da questi nomi. Sono progettati per essere posizionati all’interno dell’orecchio in modo che il cushion dell’auricolare si trova all’interno del condotto uditivo.

Poiché le cuffie sono saldamente alloggiate nell’orecchio, le cuffie intrauricolari tendono a rimanere all’interno meglio degli auricolari. Inoltre, poiché coprono il condotto uditivo, impedisce ai suoni provenienti dall’esterno di filtrare nella tua musica. In quanto tali, sono ottimi per quando vuoi chiudere il mondo per qualche istante mentre ascolti la tua musica.

Perché stai escludendo il mondo, non stai competendo con i rumori esterni quando ascolti la tua musica. Di conseguenza, non devi far esplodere la tua musica così forte per tagliare il frastuono generale intorno a te. Questo a sua volta può portare a risparmiare sui timpani un po’ di usura extra e ridurre la linea!

Questi non sono per tutti, tuttavia; a volte le cuffie intrauricolari possono bloccare il flusso d’aria tra l’orecchio e il mondo esterno. Ciò significa che le cose tendono a diventare sudate e scomode e rendono le cose un po’ pruriginose dopo lunghi periodi di utilizzo.

Cosa sono gli auricolari?

cuffie-differenza-auricolari

Sebbene gli auricolari si mettano molto vicino al condotto uditivo, la differenza fondamentale è che non vi entrano mai completamente. Poggiano sulla cresta della conca dell’orecchio, la piccola cresta esterna subito prima del condotto uditivo. In quanto tali, sono perfetti per le persone a cui non piace la sensazione di qualcosa all’interno del condotto uditivo. In un certo senso sono come altoparlanti in miniatura che metti molto vicino all’orecchio ma mai all’interno.

A causa del loro posizionamento, potresti scoprire che gli auricolari cadono più spesso rispetto agli auricolari nel canale, semplicemente perché hanno meno presa sull’orecchio. La mancanza di presenza nel canale significa che anche tu ascolterai meglio l’ambiente circostante. Questo non è l’ideale per le persone che vogliono escludere il mondo, ma per coloro che vogliono ascoltare la musica pur essendo consapevoli di ciò che li circonda, sono una buona alternativa alle cuffie intrauricolari.

La confusione

Purtroppo, come detto sopra i termini in-ear e earbuds spesso si fondono insieme quando vengono utilizzati nella descrizione di un prodotto. Se cerchi earbuds su Amazon, vedrai spuntare molti modelli in-ear come risultato. Può essere difficile trovare un proper auricolari sul mercato se non sei sicuro di cosa stai cercando.

cuffia-differenza-prodotto

Se vuoi gli auricolari e non le cuffie in-ear, cerca semplicemente i modelli che non hanno il canal cushion su di essi. Gli auricolari sembrano semplicemente dei mini-altoparlanti, mentre gli auricolari in-ear avranno il cuscino su di essi. Questo ti permetterà di scegliere quello più adatto a te, anche se è etichettato in modo errato!

Le migliori cime

Sebbene le cuffie intrauricolari e auricolari possano sembrare molto simili, in realtà sono piuttosto diverse con le proprie custodie. Ora sai cosa fa ciascuno; ancora più importante, sai come rilevare quale è quale, nonostante come sono pubblicizzati!

Quale preferisci? Facci sapere di seguito.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

I nostri ultimi tutorial sono stati consegnati direttamente nella tua casella di posta

Previous articleScheda SD e SSD: qual è davvero la differenza?
Next articleUna settimana con Pinguy – L’elegante remix di Ubuntu